mangiare senza glutine, senza glutine, cibo senza glutine

Mangio senza glutine... ma ogni tanto, sgarro!

Cosa succede quando si deve seguire una dieta senza glutine e poi decidi di mangiare cibo con glutine per qualche volta?

Serata a casa di amici e la cuoca non è stata così attenta: ha usato lo stesso cucchiaio per l’acqua della pasta glutinosa e per quella senza glutine. Che fare? Inutile fare i difficili, tanto cosa vuoi che sia, era solo acqua!!!

Passeggiata domenicale con sosta in gelateria, peccato che i coni del gelato, siano proprio sopra le vaschette con i gusti in bella mostra! Ci potrebbero essere briciole ovunque… e quindi un alta possibilità di contaminazione del gelato... ma magari non serve essere così pignoli; infondo due briciole non hanno mai ammazzato nessuno!

E la pizza che sta addentando il tuo fidanzato? Che acquolina!!! Noi dobbiamo accontentarci dell'insalata ma... un morso e basta non avrà di certo compromesso la dieta! Cosa vuoi che sia un piccolo sgarro!

Ed invece no!

Forse dovresti sapere cosa succede, se non sei costante per tutta la vita alla dieta che ti è stata consigliata dopo la diagnosi!

Cos'è il glutine

Cosa succede se si mangia alimenti con glutine?

Perché se è vero che chi mangia gluten free per scelta personale, può tranquillamente decidere di interrompere la dieta quando vuole o può concedersi dei piccoli strappi, è altrettanto vero che questo non vale per tutte le persone a cui è stata diagnosticata la celiachia. Quindi il celiaco deve essere estremamente ligio nel seguire un’alimentazione controllata.

L’assunzione accidentale o volontaria di glutine può portare ad una infiammazione cronica della mucosa intestinale.

Quali sono i sintomi? Possono esserci oppure no, i fattori sono molteplici e la sintomatologia può variare: mal di pancia, mal di testa, senso di spossatezza, crampi... ma anche nulla. La mancanza di sintomi però non deve trarvi in inganno perché non significa che state bene ma semplicemente che siete asintomatici!

Quindi seguite sempre una dieta senza glutine corretta e consapevole, leggete sempre le etichette ed informatevi sui prodotti che decidete di consumare.

Lo sapete, per esempio, che non bisogna esagerare nel consumo di birra senza glutine? Non solo perché l'alcool fa male ma anche perché il processo di lavorazione del malto d'orzo, seppure riduca il contenuto di glutine al di sotto di 20 mg/kg, contiene ugualmente un residuo fisso. Pertanto un consumo consistente del prodotto porta alla somma del residuo fisso di glutine e quindi ad un possibile danno per la dieta.

Niente sgarri allora e seguite fedelmente la vostra dieta senza glutine per restare sempre in salute!