Cos’è la sensibilità al glutine/al grano?

Cos’è la sensibilità al glutine/al grano?

Secondo la definizione, la sensibilità al glutine/al grano è un disturbo funzionale di natura non allergica dovuto al glutine.

La diagnosi non è facile; se infatti si presentano sintomi come stanchezza, dolori addominali o eczemi, questi segni forse non vengono subito messi in relazione con la sensibilità al glutine.

L’ipersensibilità al glutine o al grano può insorgere all’improvviso e ad ogni età. Tuttavia, la sensibilità al glutine può essere un fenomeno transitorio che migliora con la dieta senza glutine.

 

Da cosa si riconosce una sensibilità al glutine/al grano?

Article1081_Quinoa und Getreide.jpg

I sintomi della sensibilità al glutine si manifestano in modi molto diversi, per questo una volta di più l’organismo va considerato nel suo insieme. Quali sintomi possono presentarsi?

  • Dolore addominale, anche collegato a una sensazione di bruciore alla bocca dello stomaco, nausea e vomito, flatulenza, stitichezza e diarrea
  • Affaticamento, intorpidimento di braccia e gambe, crampi muscolari e dolori agli arti
  • Mal di testa, mancanza di energia, disorientamento, problemi circolatori, eczemi, lingua arrossata o ingrossata.

     

Come viene diagnosticata una sensibilità al glutine/al grano?

Article1081_Glutenfree Schriftzug auf Tafel 2.jpg

Non è facile arrivare a una diagnosi certa. Fino ad oggi non esistono biomarker  affidabili, ossia indicatori misurabili di una sensibilità al glutine. Così, si circoscrivono i sintomi e la diagnosi avviene per esclusione. In particolare, prima è necessario escludere in modo chiaro la diagnosi di celiachia o di allergia al grano. Una volta escluse queste patologie, il tentativo successivo è la dieta senza glutine. Se attraverso questa dieta si ottiene un evidente miglioramento dei disturbi e si registra un peggioramento non appena viene assunto nuovamente il glutine, si può pensare a una sensibilità al glutine. La celiachia, invece, viene accertata tramite un esame del sangue per la ricerca di specifici anticorpi e una biopsia dell’intestino tenue, mentre una possibile allergia al grano si accerta con le consuete prove allergiche. La sensibilità al glutine/al grano è un fenomeno complesso. Molti dei sintomi corrispondono a quelli di altre patologie, pertanto questa specifica intolleranza molto spesso non viene riconosciuta né trattata.

 

Come si cura la sensibilità al glutine/al grano?

Article1081_Diaetist mit Apfel und Patient.jpg

Se tramite la diagnosi per esclusione è stata presa in considerazione la sensibilità al glutine, il tuo medico potrà consigliarti una dieta senza glutine.

Dal momento che potrebbe trattarsi di un’intolleranza transitoria, il passaggio all’alimentazione priva di glutine dovrebbe essere mantenuto per un periodo di almeno uno o due anni. Molte persone riferiscono di una scomparsa dei sintomi già nel giro di poco tempo. La digestione diventa più regolare, il benessere generale migliora e aumenta la qualità della vita.

Tutto sul glutine