Follow me around Cambodia

Alla scoperta della Cambogia

Vieni a scoprire con me le meraviglie della Cambogia, piccola gemma del Sud Est Asiatico tutta da esplorare.

Vittoria: una ragazza celiaca di 26 anni che affronta la vita un biglietto aereo alla volta.

Nei miei tanti viaggi un po’ in giro per il mondo non ho mai avuto modo di esplorare le meraviglie del continente asiatico, per cui sono cresciuta con questo desiderio e fascino profondo nei confronti della cultura e della storia di quei paesi così lontani in tutto da noi.

L’anno scorso ho finalmente avuto modo di realizzare il mio sogno e dirigermi per la prima volta verso Oriente, e in particolare alla scoperta di un piccolo quanto prezioso paese, ancora in gran parte incontaminato: la Cambogia.

Dalla grandiosità dell’impero Khmer e dei suoi magnifici templi di Angkor, alla colonizzazione francese, fino alle tremende guerre combattute nello scorso secolo: tutto questo ha reso la Cambogia un piccolo pezzo di terra ricco di storia e fascino.

Angkor Wat

Ho deciso di esplorare questo paese nel migliore dei modi, zaino in spalla e spostandomi da una città all’altra con mezzi pubblici, autobus o traghetti. Un’esperienza stupenda e sicuramente quella che permette di conoscere l’autentica cultura cambogiana.

Si sa che la cucina asiatica sia una delle più sicure quando si parla di senza glutine, ma è difficile poter comunicare le proprie esigenze alimentari in un posto così poco turistico. Quindi prima della partenza mi sono preparata a dovere e ho riempito gli ultimi spazi vuoti dello zaino con qualche snack senza glutine per sicurezza.

Beh, inutile dire che mi sono dovuta ricredere! In ogni città abbia visitato ho sempre avuto modo di trovare tante opzioni senza glutine e la disponibilità delle persone ad aiutarmi il più possibile per garantirmi un piatto sicuro. Primo tra tutti “ARTillery Cafe”, un caffè di ispirazione francese in una viuzza della capitale, Phnom Penh, che serve ottimi piatti senza glutine (crepes incluse!).

Artillery – Phnom Penh

Anche nelle altre mie tappe del viaggio ho avuto modo di trovare tanti bei posticini che offrivano opzioni senza glutine nella maggiore sicurezza possibile.

A Siem Reap, la città più vicina al grande sito archeologico dei templi di Angkor, c’è Sister Srey Cafe” che è pronto a deliziare i vostri palati “intolleranti” per una colazione leggera, un brunch o un bel pranzetto.

Sisters Srey – Siem Reap

Volete assaggiare il piatto tipico cambogiano, il fish amok? Sappiate che non solo è naturalmente senza glutine, ma anche semplicemente squisito! Alcuni dei miei posti preferiti dove ho avuto il piacere di poterlo mangiare in tutta sicurezza sono stati “Romdeng” a Phnom Penh e “The Sugar Palm” a Siem Reap, entrambi ben informati sulla celiachia e sulle esigenze alimentari specifiche e tappe imperdibili durante il viaggio.

fish amok

Ma la Cambogia non è solo grandi tradizioni e cultura millenaria, templi e città. È anche spiagge tropicali e acqua cristallina, dove potersi rilassare dopo tanto viaggiare. Le isole di Koh Rong e Koh Rong Samloem sono la meta ideale prima di lasciare questa splendida terra. A M’Pai Bay, un paesino di pescatori nell’isola di Koh Rong Samloem, c’è il ristorante “The Fishing Hook” che ogni sera offre un ricco buffet con opzioni segnalate sia senza glutine che senza lattosio.

Koh Rong Samloem

State già prenotando la vostra prossima vacanza invernale lì? J