Che cosa posso mangiare? Alimenti sicuri, rischiosi, vietati

Che cosa posso mangiare? Alimenti sicuri, rischiosi, vietati

Oggigiorno sono così tanti gli alimenti in commercio che può essere difficile riconoscere al primo colpo quali prodotti contengono il glutine.

Chi segue una dieta senza glutine può consumare tutti quegli alimenti che non lo contengono.

Più facile a dirsi che a farsi! Infatti il glutine viene spesso impiegato nella produzione di alimenti trasformati per le sue caratteristiche specifiche e si nasconde quindi dove meno lo si immaginerebbe.

Chi deve seguire una dieta senza glutine può acquistare senza esitazione tutti quegli alimenti che per natura non contengono glutine, nonché quelli chiaramente etichettati quali “senza glutine” o “gluten-free”. In alcuni alimenti che dovrebbero effettivamente essere senza glutine sussiste però un pericolo di contaminazione. Ti consigliamo quindi di scegliere i prodotti che sono etichettati come senza glutine, e questo vale, per esempio, per mais, miglio, grano saraceno, quinoa e amaranto.

Molti alimenti non contengono di per sé glutine e possono quindi essere consumati senza esitazione sempre che non siano stati sottoposti a un processo di trasformazione: frutta e verdura, carne e pesce, uova, latte e latticini.

È bene sapere che questo stato non viene modificato nemmeno se i prodotti sono sottoposti a processi di pura conservazione come, per esempio, la pastorizzazione del latte, la surgelazione delle verdure tal quali o l’essiccazione di erbe.

Un altro segno di riconoscimento è la spiga barrata.

Se si segue una dieta senza glutine, si devono evitare assolutamente le varietà di cereali contenenti glutine e i prodotti derivati che le contengono. È pertanto importante fare attenzione alla scelta degli alimenti e a quali si consumano, perché il glutine può essere contenuto anche in integratori alimentari, sostanze aromatizzanti e riempitive, oppure agenti leganti. Ingredienti contenenti glutine vengono spesso aggiunti durante la trasformazione alimentare, dato che il glutine possiede tante caratteristiche positive che facilitano il processo produttivo, oltre a essere un buon coadiuvante, p.e., per gli aromi. Il glutine deve però essere indicato sulla confezione. Per questo è sempre necessario leggere le etichette quando si fa la spesa. Non fatevi però cogliere dal panico e mettere sotto stress.

Controllo dell’etichetta

A questi prodotti bisogna fare attenzione - l’avresti mai pensato?

Patate fritte, crocchette, frittelle di patate, affettati, wurstel, gelato, crema alle nocciole, prodotti parzialmente sgrassati, patatine, flips & co., senape, salse per condimenti, cioccolato, caramelle, preparati di spezie, dadi da brodo, lievito in polvere, salse legate, minestre, cibi precotti, pudding, salsa di soia, marzapane.

Hai imparato adesso tanto sul glutine e in quali alimenti è contenuto. Sei pronto a iniziare una dieta senza glutine? Verifica le tue conoscenze.