Sensibilità al glutine, allergia alle graminacee o celiachia?

Immagine di profilo di Stefania84
Da Stefania84
Mercoledi, 25. Gennaio 2017 - 17:30
Buonasera,
avrei bisogno di un parere.
Dopo avere diagnosticata una tiroidite autoimmune e severa anemia mi consigliano di fare esami specifici per la celiachia.
HLA CELIACHIA
APLOTIPO DQ2 (DQ A1*05, DQ B1*02) ASSENTE
APLOTIPO DQ8 ASSENTE
APCA AB anti cellule parietali gastriche NEGATIVO
AB antiGLIADINA DEAMIDATA IgG 3,20 NEG inf. a 25
AB antiGLIADINA DEAMIDATA IgG 61,70 NEG. inf. a 25
ENDOMISIO anticorpi IgA ASSENTI
ENDOMISIO anticorpi IgG ASSENTI
TRANSGLUTAMINASI IgA 6,9 NEG. inf. a 20
TRANSGLUTAMINASI IgG 0,6 NEG. inf a 20
Inoltre, risulto positiva al prick test per le graminacee:
parietaria ++
mix1 +
segale +
olio +
frumento +
istamina +++

L'allergologa che mi ha fatto il test, sostiene abbia una sensibilità al glutine e ritiene che io non debba più mangiare cereali a parte il riso, oltre a suggerire di non mangiare più caseina.
Il mio nutrizionista invece sostiene che ho una lieve sensibilità al glutine e che non è il caso di toglierlo totalmente dalla mia alimentazione. Lo toglie per un periodo e poi, poco a poco, lo reintroduce.
Nessuno consiglia di fare biopsia per escludere la celiachia.
Io sinceramente non ho per nulla chiara la situazione, non capisco se si tratta di allergia/ sensibilità al glutine/ possibile celiachia e soprattutto non capisco se devo eliminare completamente il glutine e la caseina dalla mia alimentazione.
Dopo circa 4 mesi di alimentazione senza glutine e caseina rifaccio l'esame AB antiGLIADINA DEAMIDATA IgG e rientra nella norma, per questo il mio nutrizionista dice di ricominciare a mangiare poco a poco sia glutine che caseina, e così sto facendo adesso.
Esiste un modo per diagnosticare con maggiore certezza la sensibilità al glutine?
Essere sensibili al glutine significa che bisogna eliminarlo completamente dall'alimentazione?
Gli allergici alle graminacee devono privarsi totalmente del glutine (conosco persone allergiche che lo mangiano normalmente)?
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
Stefania
Stefania


Immagine di profilo di EVI CONSUMER SERVICE
Da EVI CONSUMER SERVICE
2 years ago
English
Buongiorno Stefania,

di seguito ti riportiamo la risposta dell'esperto del nostro comitato scientifico:

“Mi chiedo prima di tutto che sintomi specifici avevi prima di effettuare uno screening di celiachia che mi sembra sia stato fatto solo perché hai scoperto di essere affetta da tiroidite che spesso si accompagna ad anemia anche senza che ci sia una celiachia. In più mi chiedo se la tua allergologa ha proceduto a fare anche i RAST, e cioè le IgE specifiche per quegli alimenti in modo da avere un quadro più completo della tua verosimile sensibilità o allergia, ed ha correlato il tutto alle IgG totali o alle IgM. In più non capisco perché hai dovuto escludere la caseina. Hai un'allergia accertata alle proteine del latte o sei intollerante al lattosio che però è un' altra cosa?
Attualmente devo dire la verità è molto più facile fare diagnosi di una malattia autoimmune come per esempio la Celiachia, la tiroidite, o altri tipi di autoimmunità che non di allergia o purtroppo di Sensibilità al Glutine.
Per le allergie le scuole di pensiero sono varie, e quindi spesso è difficile fare una diagnosi definitiva e si ricorre o ad un test di stimolazione o alla dieta di esclusione.
Per la Sensibiltà al Glutine invece, poiché questa è una entità clinica di recente descrizione, che si è cominciata a studiare da pochi anni, non si conosce ancora un biomarcatore che permetta di fare una diagnosi certa.
Sappiamo comunque dalla letteratura che gli anticorpi AGA IgG sono presenti in quasi il 50 % della popolazione sensibile al glutine, anche se questi anticorpi sono altamente aspecifici e non costituiscono un marcatore diagnostico.
Per concludere devo dire prima di tutto che con l'HLA negativo e le TTG negative non c'è indicazione a fare una biopsia intestinale. La tua nutrizionista è stata molto saggia nel farti fare una dieta di esclusione perché attualmente solo così possiamo capire se hai una reazione glutine dipendente. Ora se reintroducendo il glutine piano piano si instaura tolleranza e tu non hai più sintomi si potrebbe parlare di una reazione simil-allergica o come dicono gli allergologici ipersenbilità (anche se il termine è terribilmente improprio). Se invece con la reintroduzione graduale, solo del glutine però, la tua sintomatologia peggiora e sembra che stai anche peggio, allora possiamo pensare alla sensibilità al glutine. L'esclusione dalla dieta del glutine dipende dall'intensità dei sintomi da te avvertiti. Attenzione comunque a non confondere graminacee e glutine perché sono due cose diverse.
Per questo motivo le persone allergiche alla parietaria per esempio continuano a mangiare pane e pasta senza problemi.
Infine devo dire questo, la sensazione che ho è che il controllo della celiachia abbia scatenato una reazione a catena che bisognerebbe arrestare soprattutto se tu non hai una sintomatologia gastrointestinale o extraintestinale che faccia pensare alla allergia o alla sensibilità al glutine. Ti consiglierei di consultare di persona un medico che sappia di queste materie, in particolare un gastroenterologo esperto (ti preghiamo di mandarci un’email in tal caso specificando dove abiti) in modo da aiutare la tua nutrizionista a scegliere la migliore dieta per te, se veramente necessaria.”

Evi
Immagine di profilo di Stefania84
Da Stefania84
4 months 3 weeks ago
English, USA
Con molto ritardo ringrazio l'esperto del Comitato Scientifico per questa valutazione.
La mia allergologa aveva richiesto IgE totali che risultavano negative ( 9.40/adulti <100) e IGg totali che risultavano altresì negative 0,6 (negativo < 20). Nello specifico risultava negativo il valore Ige legato al Grano, alla Caseina, ad Alfa-Beta Lattoalbumina e Beta-Lattoglobulina (valori ben al di sotto della soglia rischio allergia).
Dunque mi chiedo, se sono negativi, si può dedurre che non sono allergica, nonostante il prick test positivo alla paritaria (++), mix 1(+), segale (+) frumento (+)?
In merito poi ai sintomi che hanno spinto a fare queste valutazioni, a parte la severa anemia, a livello gastroenterico ho solo un po' di stitichezza, ma nessun dolore; un generale senso di gonfiore ed un eccesso ponderale che sembra beneficiare in modo particolare della dieta aglutinata e un leggero prurito al viso che mi pare essere presente solo o comunque maggiormente nelle giornate in cui introduco il glutine nella mia alimentazione (ma a questo punto non sono sicura che le cose vadano correlate).
La situazione è stabile da più di un anno.
Sono di Palermo, se aveste un nominativo da consigliarmi sarei più che felice.
Se mi indicate un indirizzo mail a cui scrivere Vi contatto per il nominativo direttamente tramite mail.
Vi ringrazio sentitamente,
Stefania
Immagine di profilo di BLANKA CONSUMER SERVICE
Da BLANKA CONSUMER SERVICE
4 months 3 weeks ago
English, USA
Ciao Stefania,

puoi contattarci via email al seguente indirizzo contact_it@schaer.com.

Saluti!