celiachia, vaccino celiachia

Ultimissime novità sul vaccino per la celiachia!

Il vaccino per la celiachia sta facendo passi da gigante!

Fino a oggi, l’unica terapia sicura per la celiachia è stata la dieta senza glutine. Le persone che non possono assumere il glutine sanno bene quanto è importante leggere con attenzione le etichette, e, ovviamente, comunicare con chiarezza di “essere intolleranti al glutine” o di “essere celiaci” tutte le volte che mangiano fuori casa.

Per fortuna, grazie ai progressi della medicina, e in particolare agli studi sulla celiachia, il vaccino sta diventando una realtà sempre più concreta.

Il primo ostacolo è stato superato

L’azienda biotecnologica del Massachusetts “ImmusanT” ha lavorato per oltre un anno alla messa a punto del Nexvax2, il vaccino che potrebbe riuscire a combattere la celiachia.

Dopo mesi di test e risultati, la Fase 1 di prova è stata completata. La Fase 1 è la prima delle quattro fasi di cui si compone un test clinico.

Nexvax2 è passato adesso alla seconda fase. Soltanto circa il 63% dei farmaci arriva a questa fase, quindi questa è una notizia davvero incoraggiante! Durante la Fase 2, il farmaco viene testato su un gruppo di pazienti costantemente monitorati. Se il test viene superato, verrebbe dimostrata l’efficacia e la sicurezza del vaccino.

 

Da quel momento in poi, il vaccino sarà testato su persone geneticamente predisposte, o che hanno già ricevuto una diagnosi certa di celiachia. Gli specialisti inizieranno con una terapia a basso dosaggio, per andare poi gradatamente ad aumentarlo, così da assicurarsi una buona tolleranza senza effetti collaterali indesiderati.

Article_1956_Vaccino celiachia.jpg

Terapia

All’inizio, Nexvax2 non è destinato a sostituire una dieta priva di glutine. Il suo scopo è quello di trattare l’esposizione al glutine e, se tutto va bene, far sì che si possa consumare il glutine sporadicamente, in casi eccezionali.

Il vaccino per la curia dei sintomi della celiachia è sempre più vicino!