mangiare senza glutine, mensa senza glutine, scuola senza glutine

Pasti scolastici senza glutine: una reale possibilità?

Dopo sei settimane di viaggi al mare, giornate piovose in casa e tanto divertimento, le vacanze estive sono finalmente finite. Si ritorna a scuola... e alla mensa scolastica!

Il desiderio di qualsiasi genitore è che i propri figli non soffrano la fame mentre sono a scuola e che possano seguire anche lì una dieta varia e bilanciata. Ma se i bambini soffrono di celiachia? Che possibilità hanno di mangiare bene a scuola?

Panini senza glutine

Una dieta per celiaci non significa solo eliminare il glutine, ma anche evitare assolutamente la contaminazione incrociata e assicurarsi sempre che gli alimenti siano maneggiati correttamente. 

Al momento, le mense scolastiche sono obbligate per legge a offrire un menu senza glutine, affinché anche gli scolari con intolleranze alimentari possano usufruirne. L’articolo 40 della legge 7 / 2011 sulla “Sicurezza alimentare e la nutrizione” regola i provvedimenti che le scuole devono adottare.

I genitori devono essere consapevoli di questo requisito di legge e parlare con la scuola se pensano che le disposizioni non siano state rispettate. È importante che cuochi, insegnanti e personale di servizio collaborino tra di loro, affinché gli scolari celiaci non corrano mai dei rischi.

Se il vostro bambino è celiaco, ma non i suoi compagni, è importante che non venga separato dal resto del gruppo solo perché ha bisogno di un pasto “speciale”. È inoltre veramente essenziale che i bambini con un’intolleranza al glutine controllino che i piatti e le posate che utilizzano non entrino in contatto con il cibo consumato da altri bambini e, inoltre, che loro stessi non provino il cibo dei compagni. Queste precauzioni apparentemente minime devono essere prese in considerazione dal personale delle mense scolastiche.

Se aiutati dalla loro scuola, i bambini celiaci impareranno a vivere con la loro patologia sin da piccoli, tanto da considerarla “normale”. L’inserimento di una dieta senza glutine nelle scuole contribuisce anche all’accettazione sociale di questa patologia.