La celiachia può davvero causare l'osteoporosi (atrofia delle ossa)?

La celiachia può davvero causare l'osteoporosi (atrofia delle ossa)?

Quando viene diagnosticata la celiachia, è bene misurare la densità ossea poiché spesso, nelle persone celiache, tende effettivamente a ridursi. La celiachia comporta infatti un danneggiamento della mucosa dell'intestino tenue, con conseguente riduzione dell'assorbimento di sostanze nutritive, tra cui anche il calcio. Ne consegue una carenza e, successivamente, un metabolismo osseo accelerato e la perdita di massa ossea. Anche altri fattori quali il fumo, una ridotta assunzione di calcio e malattie autoimmuni esistenti giocano un ruolo importante per l'insorgenza dell'osteoporosi (atrofia delle ossa). L'alimentazione senza glutine dei celiaci influisce positivamente sulla densità ossea.
La Deutsche Gesellschaft für Ernährung (Società tedesca per l'alimentazione) consiglia agli adulti sani di assumere con l'alimentazione circa 1.000 mg di calcio al giorno (latte, formaggio, yogurt, broccoli, verdura verde in foglie, legumi). Nel caso dei celiaci, il fabbisogno è leggermente più alto, per ridurre il rischio di sviluppo di un'osteoporosi.