La costellazione delle intolleranze alimentari

La costellazione delle intolleranze alimentari

Che seccatura!

L’organismo dei bambini e il loro intelletto sono in continuo sviluppo. Un bambino, quindi, rispetto a un adulto, brucia nell’attività di crescere una parte importante dell’energia che immette attraverso il cibo. La crescita è un’attività che richiede un alto fabbisogno di sostanze nutritive. Per questo le mamme e i papà insistono tanto nel far mangiare i bambini.

Per tanti bambini, mangiare non è una priorità, per altri –i più golosi- è un grande piacere. Ma ce ne sono molti per i quali mangiare è una seccatura. Sono quei bambini ai quali il cibo induce dolori addominali, gonfiore, diarrea, mal di testa, dolori articolari, stanchezza e problemi alla pelle.

Intolleranze ma non solo

Article200116_Vater Tochter Essen auswaerts.jpg

Essere “intollerante” a un ingrediente, a un alimento, a un metodo di preparazione o a qualsiasi altra cosa riguardi il cibo vuol dire avere un organismo che rifiuta di elaborare correttamente quel cibo e reagisce per comunicarci che ha un problema.

Anche se spesso un’intolleranza è da ricondursi a fattori ereditari, le sue cause potrebbero anche essere dovute al sistema immunitario, a malattie infettive o all’alimentazione stessa. In qualsiasi caso, un’intolleranza non è uguale all’altra.

Intolleranze nell’area della celiachia

Article200116_Kind Junge Bauchschmerzen.jpg

In merito alle reazioni indotte dall’assunzione di cibo contenente frumento e glutine, si distinguono generalmente tre quadri clinici: la celiachia, la sensibilità al glutine e/o al frumento e l’allergia al frumento. Queste definizioni vengono spesso utilizzate indistintamente, nonostante la diversità dei sintomi e delle sfide che devono essere affrontate da chi ne soffre.

Esistono molti tipi di intolleranze e solo un medico specialista è in grado di prescrivere le analisi più efficaci a scoprirne la causa, facendo sì che la persona (che sia un bambino o un adulto), eliminando quel determinato cibo o attenendosi a delle regole specifiche, possa ritrovare il gusto di mangiare senza soffrire fastidiose conseguenze.

Guida familiare