diagnosi, celiachia, bambini

Un nuovo modo per diagnosticare la celiachia nei bambini?

Dai sintomi iniziali alla diagnosi finale di celiachia, noi tutti, giovani e meno giovani, dobbiamo sottoporci a una serie di test. In cosa consistono?

Quando il medico sospetta che un paziente sia affetto da celiachia, prescrive  una serie di test per confermare o escludere la diagnosi. L’iter prevede: esame del sangue, marcatori sierologici per la celiachia e una biopsia intestinale.

E se invece fosse possibile accertare l’intolleranza al glutine in altro modo?

Per una diagnosi senza biopsia

La prestigiosa rivista medica Gastroenterology ha recentemente pubblicato uno studio che spalanca nuove frontiere nella ricerca di un iter diagnostico della celiachia nei bambini che non prevede la biopsia.

Lo studio è stato coordinato dal dott. von Hauner del Children’s Hospital di Monaco e ha coinvolto due ospedali spagnoli, l’Hospital La Fe di Valencia e l’Hospital Universitario Sant Joan di Reus (provincia di Tarragona).

Gli sforzi congiunti delle equipe di ricercatori hanno dato vita a una ricerca Internazionale volta a convalidare le linee guida della European Society for Pædiatric Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition (ESPHGAN). L’obiettivo era quello di consentire una diagnosi senza biopsia della celiachia in bambini sintomatici.

Article_1958_diagnosi bambini.jpg

I risultati

Lo studio condotto ha analizzato diversi indicatori di celiachia. I risultati ottenuti sono stati confrontati con gli esiti delle biopsie intestinali su pazienti che non avevano ancora compiuto i 18 anni di età. Nella maggior parte dei casi, la diagnosi della celiachia era la stessa.

Più precisamente, su 803 bambini che hanno preso parte allo studio, 96 sono stati esclusi perché la biopsia intestinale ha dato risultati incongruenti. I restanti 707 bambini hanno dato luogo a diversi risultati. 645 bambini hanno correttamente ricevuto la diagnosi di celiachia, 46 non ne erano affetti e 16 non hanno ottenuto risultati conclusivi.

Gli esiti dello studio sono incoraggianti. In più del 50% dei casi analizzati, la biopsia è stata evitata senza correre il rischio di ridurre l'accuratezza della diagnosi. Cosa ne pensi di queste notizie?