Consigli per una spesa senza glutine

Consigli per una spesa senza glutine

Consigli per una spesa senza glutine.

La spesa alimentare quotidiana non è cosa facile per chi è affetto da celiachia. La gamma di prodotti sembra quanto mai illimitata, ma ogni volta che ci si appresta all’acquisto, ci si pone la domanda: lo posso davvero mangiare? Grazie alle seguenti indicazioni potrete riempire correttamente il vostro carrello:

  • Dal novembre 2005, i 14 allergeni più importanti devono essere indicati sulle etichette degli alimenti, indipendentemente da forma e quantità contenute. Pertanto prima dell’acquisto leggete molto attentamente l’etichetta del prodotto di vostra scelta, anche se vi costa tempo e impegno, per essere certi che quel prodotto rientri tra gli alimenti senza glutine.
  • Attenzione: l’obbligo di indicazione sull’etichetta è valido solo per merci confezionate e non per cibi sciolti.
  • Se non conoscete un ingrediente riportato sull’etichetta è meglio lasciare il prodotto sullo scaffale.
  • Se sull’etichetta trovate la voce amidi o amidi modificati, si tratta di amidi senza glutine secondo la disposizione UE del febbraio 2000. A partire da questa data gli amidi contenenti glutine devono essere espressamente indicati.
  • Una regola generale: più fresco è l’alimento, inferiore è il contenuto di glutine e viceversa. Al contrario, più l’alimento è stato lavorato e maggiore sarà il suo contenuto di glutine.
  • Anche se il prodotto in sè non contiene glutine, è necessario fare attenzione a possibili contaminazioni, come per esempio nel caso di cereali, farine, pane e prodotti da forno.
  • I prodotti dei grandi produttori alimentari hanno praticamente ovunque stesso nome e marca, ma in taluni casi possono contenere anche altri ingredienti. Fate attenzione pertanto quando acquistate all’estero prodotti già conosciuti. Anche in questo caso vale la regola che prescrive di leggere l’etichetta o di reperire notizie presso l’Associazione nazionale celiachia.
  • Ricordate che tutti i medicinali sono senza glutine, quindi possono essere presi in tranquillità (i limiti imposti attualmente dalla Farmacopea Europea, il rispetto dei quali è verificato dall'Ufficio IV-Ministero della Salute, consentono di considerare adatti ai soggetti affetti da celiachia intolleranti al glutine anche i medicinali contenenti amido di frumento).
  • Procuratevi la lista dettagliata degli alimenti senza glutine più comuni che si trovano in commercio e portatela con voi al momento dell’acquisto. Tali liste sono a disposizione in numerosi Paesi presso le varie associazioni di celiaci, per esempio in Germania presso la Deutsche Zöliakie Gesellschaft, in Austria presso la Österreichische Arbeitsgemeinschaft Zöliakie, in Italia presso l’Associazione Italiana Celiachia, nel regno Unito presso la Coeliac UK e in Spagna presso la Federación de Asociaciones de Celíacos de Espana.

La soluzione più sicura è quella di preferire prodotti garantiti e realizzati appositamente per chi è affetto da celiachia, come per esempio i prodotti Schär.