Propulsori al massimo, rotta sul Pianeta Gluten Free

Propulsori al massimo, rotta sul Pianeta Gluten Free

Un nuovo mondo di cose squisite.

La prima parola che viene in mente a chi scopre di avere problemi con il glutine è “RINUNCIARE”. Niente di più sbagliato. In natura esistono tantissimi alimenti che sono naturalmente privi di glutine. Inoltre, ci sono aziende –come Schär- che utilizzano processi di lavorazione privi di glutine, realizzando prodotti buonissimi da mangiare e digeribili anche da chi ha problemi di celiachia.

Cerchiamo la spiga barrata

Article200117_Kinder Geschwister backen.jpg

Gli alimenti naturalmente senza glutine sono, ad esempio: il riso, il mais, le patate, il latte e i suoi derivati, la carne, il pesce, le uova, la frutta e la verdura.

Riconoscere un pomodoro o una vongola è facile. Invece, per i prodotti che potrebbero essere realizzati con l’impiego di glutine (merendine, biscotti, pasta, dolci, gelati, caramelle, patatine), Milly ci svela un semplice trucco. Quando siamo al supermercato, di fronte agli scaffali, noteremo che alcune confezioni hanno un simbolo particolare: una spiga di grano barrata. Questo simbolo ci indica che quel prodotto non contiene glutine ed è stato realizzato appositamente per i celiaci. Come direbbe Roby, l’aiutante-robot di Milly, quel prodotto è “ok”.

Guida familiare