Celiachia: l’alimentazione del turista

Celiachia: l’alimentazione del turista

Accorgimenti e consigli nel nuovo Vademecum del turista celiaco.

Ovviamente, anche in vacanza è possibile trovare prodotti senza glutine e alimenti per celiaci. Per aiutarvi a dissipare dubbi e paure in tema di celiachia e alimentazione, gli esperti del comitato scientifico Dr. Schär hanno realizzato un Vademecum del turista celiaco, destinato ai celiaci e ai loro familiari in partenza per le vacanze.

La dottoressa Letizia Saturni, specialista in Scienze dell’alimentazione presso l’Università Politecnica delle Marche e membro del comitato scientifico Dr. Schär, sostiene che “la vacanza in luoghi diversi può essere vissuta anche come occasione per scoprire nuovi sapori e ricette a base di cereali naturalmente privi di glutine”.

“Con gli stessi accorgimenti adottati durante l’anno e qualche piccolo trucco in più, si può esplorare qualunque angolo del mondo”, aggiunge il dottor Giuseppe Caula, gastroenterologo presso la Divisione di Medicina interna del Presidio Ospedaliero Valdese ASL TO1 di Torino e membro del comitato scientifico Dr. Schär.

Vademecum per il turista celiaco in Europa e in altri continenti

Article1022_Paar Restaurant Kellnerin

  • Una rete di amici: prima di partire, prendete contatti con le associazioni dei celiaci presenti nel paese che avete deciso di visitare: troverete scambi di consigli su celiachia e alimentazione.
  • Anche in aereo senza pensieri: al momento della prenotazione del biglietto aereo richiedete il pasto Gluten Free a bordo. Qui la lista delle compagnie aeree in grado di assistervi.
  • Spiegate le vostre esigenze: portate sempre con voi la Gluten Free restaurant card per spiegare le vostre necessità alimentari in tutte le lingue del mondo.
  • Provate nuovi sapori! In molti paesi si possono trovare piatti tipici a base di cereali, naturalmente privi di glutine: ad esempio il pane di mais e le torte di tapioca in Africa, la feijoada in Brasile, il budino di riso in Canada e molte altre golosità.
  • Via libera al riso, però… prestate attenzione anche quando scegliete di mangiare riso. Il riso deve essere cotto in una pentola non contaminata da bolliture precedenti e il cucchiaio non deve essere stato utilizzato per altre preparazioni.
  • Glutine non significa solo pasta. Il glutine è contenuto anche in altri alimenti, tra cui alcuni dadi, salumi e formaggi spalmabili. Attenzione anche alla pasta di farro o di kamut, entrambi sono cereali non permessi!
  • Medicine? No problem! Ricordate che tutti i medicinali sono senza glutine e possono essere presi in tranquillità.
  • Variate l’alimentazione. Nel vostro menù quotidiano non dovranno mai mancare frutta, verdura, carne, pesce o legumi, alimenti naturalmente privi di glutine.
  • Evitate il digiuno! Portate sempre con voi uno snack salato o dolce per fare uno spuntino al bisogno.

Article1022_Junge Reisende die Pizza essen Venedig

I turisti che si recano in paesi extraeuropei con condizioni igieniche precarie dovrebbero attenersi ad alcune semplici regole di educazione sanitaria, al fine di evitare la cosiddetta “diarrea del viaggiatore”, che non deve essere confusa con i disturbi di un’errata alimentazione in caso di celiachia. E il turista celiaco, in modo particolare, è bene che osservi queste semplici regole, visto che la diarrea potrebbe essere male interpretata e considerata un improvviso peggioramento o una ripresa della sintomatologia preesistente alla diagnosi.

Le regole sono:

  1. bere soltanto bevande imbottigliate e sigillate.
  2. non aggiungere ghiaccio alle bevande.
  3. non bere latte o mangiare latticini non pastorizzati.
  4. sbucciare frutta e verdura crude prima di consumarle.
  5. non mangiare pesce o frutti di mare crudi o poco cotti.
  6. consumare solo carne e, in generale, cibi ben cotti, ancora caldi.
  7. non acquistare generi alimentari da venditori ambulanti.
  8. curare l’igiene personale, usare acqua potabile anche per lavarsi i denti, lavarsi sempre le mani prima dei pasti e dopo l’uso dei servizi igienici.
  9. in mancanza di acqua potabile, consumare solo acqua dopo bollitura o con l’aggiunta di qualche disinfettante.

Buon viaggio!